Carlo Calcagni, Colonnello e Atleta disabile e fonte di ispirazione

Ufficiale elicotterista dell’esercito Italiano e paracadutista della Folgore, Carlo Calcagni durante una missione di pace in Bosnia nel 1996 dove era stato assegnato al soccorso medico-sanitario di civili e militari, ha subito una gravissima intossicazione da metalli pesanti.

In seguito a questa lenta contaminazione il suo organismo si è ammalato in maniera irreversibile, fino al punto di modificare anche il patrimonio genetico, con conseguenze devastanti.

Le patologie di cui soffre che sono, tra le altre, cardiopatia, mielodisplasia, Morbo di Parkinson e sensibilità chimica multipla, lo costringono ad affrontare estenuanti terapie quotidiane, come 300 compresse, quattro ore di flebo, sette iniezioni, sedute di ossigenoterapia, sauna e lettino a infrarossi.

Soltanto una ferrea determinazione e uno sconfinato amore per la vita hanno permesso al colonnello Carlo Calcagni di continuare a vivere, nonostante che il dolore sia diventato un compagno onnipresente.

La figura di Carlo Calcagni

Nato il 30 ottobre 1968, a 20 anni si arruola nell’Esercito, diventando ben presto Ufficiale di Prima Nomina presso la Scuola di Paracadutismo di Pisa e completando il suo percorso formativo dapprima a Frosinone e poi a Viterbo.
Dopo aver partecipato a numerose missioni internazionali in vari paesi, nel 1996 viene mandato in Bosnia, dove si impegna al massimo per salvare vite umane e curare feriti militari e civili.

Parallelamente all’impegno militare, il colonnello ha sempre coltivato la passione per il ciclismo a livello agonistico, fregiandosi di 15 titoli di Campione Italiano di ciclismo su strada, e conquistandosi il titolo di Migliore Atleta dell’Esercito Italiano nell’anno 2001.

Grazie alla sua determinazione e a un’innata passione per lo sport e per la carriera militale, Carlo Calcagni è riuscito ad eccellere in entrambi i settori, senza mai risparmiarsi, ma offrendo sempre il meglio di sé fino alla tragica scoperta della grave patologia contratta durante la Missione di Pace in Bosnia nel 1996.

Carlo Calcagni Colonnello e Atleta disabile

Malattia di Carlo Calcagni

Dopo essere stato ricoverato per alcuni accertamenti, nel 2002, Carlo Calcagni viene a conoscenza delle tragiche conseguenze che la Missione di Pace in Bosnia hanno lasciato sul suo organismo.
Da questo momento ha inizio il lungo calvario che lo vede protagonista attraverso fasi di profonda sofferenza sempre affrontate con un’eccezionale forza d’animo che non lo ha mai abbandonato.
A causa delle sue patologie gravemente invalidanti, ottiene un’invalidità permanente associata al riconoscimento di Vittima del Dovere e di iscrizione al Ruolo d’Onore.

Negli ultimi anni Carlo Calcagni viene seguito dai medici del Breakspear Hospital del Regno Unito, che è l’unica struttura Europea specializzata nei trattamenti della Sensibilità Chimica Multipla e delle altre patologie causate dalla contaminazione da metalli pesanti da cui è affetto.

Carlo Calcagni Colonnello e Atleta disabile

La già gravissima malattia multi-organo si è infatti complicata con l’insorgenza di cardiopatia diastolica ventricolare, demielinizzazione delle fibre nervose (soprattutto encefaliche) di tipo autoimmune, poli-neuropatia, atassia muscolare, fibromialgia e sindrome di affaticamento cronico, fino alla diagnosi di Morbo di Parkinson risalente all’anno 2015.

La presenza di concentrazioni elevate di metalli pesanti (mercurio, piombo, arsenico, cadmio e altri) può provocare numerose patologie derivanti dalla loro elevata tossicità e dal tipo di contatto, che in alcuni casi può rivelarsi letale.
L’organismo umano infatti è in grado di metabolizzare soltanto piccole concentrazioni di questi composti, che si accumulano a livello di organi vitali come fegato, reni, tessuto osseo e soprattutto sistema nervoso centrale.

Ogni giorno il colonnello Calcagni si sottopone a cure multiple, sia farmacologiche che cliniche, tra cui ossigenoterapia in camera iperbarica ed esposizione a raggi infrarossi per almeno due ore al giorno.
Egli inoltre deve affrontare periodicamente terapie infusionali e trasfusioni ematiche, allo scopo di stimolare il sistema immunitario, costantemente impegnato contro le frequenti infezioni batteriche che potrebbero evolvere in setticemia.

Carlo Calcagni Colonnello e Atleta disabile

Carlo Calcagni atleta

Fin dall’adolescenza, Carlo Calcagni ha manifestato una grande passione per il ciclismo, sport in cui ha raggiunto traguardi importantissimi a livello agonistico, gareggiando anche per la Nazionale.
È proprio durante gli allenamenti ciclistici che nel 2002 l’atleta si accorge che il suo organismo non risponde più adeguatamente alle sollecitazioni sportive e scopre la malattia, caratterizzata da continue complicanze.

Nonostante ciò, per circa 8 anni Carlo Calcagni continua a cimentarsi in imprese agonistiche vincendo numerosi riconoscimenti, fino a quando nel 2010 deve sottoporsi a un trapianto allogenico di midollo spinale che lo costringe ad abbandonare le competizioni sportive.

Nel 2014 ha inizio la sua collaborazione con il Comitato Italiano Paraolimpico, che gli consente di ottenere ottimi posizionamenti montando biciclette normali.
A causa di una successiva forma di sclerosi multipla, è però costretto a optare per un triciclo progettato appositamente per pazienti di questo tipo.

La sua incrollabile determinazione gli permette di continuare con costanza gli allenamenti, poiché ha scelto di non arrendersi mai e di sfidare senza sosta la malattia.
Il suo imperativo categorico è dunque quello di non abbandonare la bici (anche se modificata) e di trovare le energie necessarie per continuare un percorso sportivo.

Carlo Calcagni Colonnello e Atleta disabile

Il messaggio di Carlo

La sua definizione, “sono un soldato, sono un uomo e sono un sognatore”, è una frase emblematica della tempra di questo eroe, che rappresenta un esempio encomiabile per tutti i malati che non vogliono arrendersi.
Il colonnello è profondamente convinto che la sua missione ora sia quella di divulgare un messaggio di speranza a tutte le persone in difficoltà, puntando sullo sport che può realmente migliorare la qualità della vita.

L’onore, la dignità, la determinazione, l’altruismo, l’amore verso il prossimo, il coraggio, il sacrificio e la speranza sono le componenti fondamentali dell’indole di questo uomo, il cui motto è quello di “mai arrendersi”.

L’atleta Carlo Calcagni, nonostante l’esposizione al nemico invisibile che ha ucciso 400 colleghi e colpito diverse migliaia di militari, continua a perseguire i suoi obiettivi supportato dall’affetto e dall’ammirazione di tantissime persone.
Gli specialisti che lo hanno preso in carico ritengono che l’esistenza di Carlo Calcagni sia un miracolo, derivante dalla sua forza di volontà e dalla determinazione che lo anima.

Nonostante sia stato distrutto dall’uranio, il colonnello Calcagni, che attualmente vive in provincia di Lecce, è convinto che la sua missione sia stata comunque utile per salvare numerose vite.
Egli deve sottoporsi a terapie continuative sia di giorno che di notte, quando è costretto a dormire con il ventilatore polmonare per evitare il soffocamento.

Non soltanto l’apparato respiratorio ma anche quello digerente è stato infatti irrimediabilmente devastato dai metalli pesanti e quindi l’alimentazione deve essere attentamente personalizzata con l’eliminazione di lattosio, glutine, zucchero.

Anche i figli del colonnello sono obbligati a curarsi poiché sono nati con la mancanza del gene della disintossicazione, un’alterazione cromosomica ereditaria, anch’essa derivante dall’intossicazione da metalli pesanti.

 

Auguriamo al nostro Colonnello Carlo e alla sua famiglia una vita piena di emozioni e felicità!

–*–

Puoi trovare interessante leggere altre storie di atleti disabili Alex ZanardiAmbra SabatiniAssunta LegnanteBeatrice VioEsther VergeerFrancesca PorcellatoNicole OrlandoOney TapiaSimone BarlaamVeronica Yoko Plebanioppure storie di personaggi esemplari Aaron Wheelz FotheringhamAndrea BocelliBenedetta De LucaChadwick BosemanEzio BossoIacopo MelioMadeline StuartMarina CuolloManuel BortuzzoMassimiliano SechiMaximiliano UlivieriMattia CattapanNadia ToffaNicholas James VujicicNiko TremoladaRay Charles Sammy BassoSimona AtzoriSofia RighettiStephen William HawkingValentina TomirottiVanni Oddera.

 

Mi piacerebbe tanto leggere un tuo COMMENTO…
Iscriviti alla Newsletter
 a fondo pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *