Come Interagire con le Persone disabili: 12 pratici consigli

L’interazione con persone disabili. Chi non ha esperienza diretta con persone disabili può avere dubbi su come interagire con loro.
Potresti avere paura di dire qualcosa di sbagliato o di offensivo. Alcuni temono anche di sbagliare quando offrono un aiuto o li assistono.
Stabilire un rapporto con una persona che ha una disabilità fisica e/o mentale non dovrebbe essere diverso rispetto a tutti gli altri.
Se ti stai chiedendo come interagire con le persone disabili ecco 12 consigli utili.

1) Rivolgersi con educazione e rispetto

Le persone disabili al pari di tutta la gente che conosci meritano di essere considerati con educazione e rispetto. Questo è vero soprattutto quando fai riferimento alla loro disabilità.
Devi rivolgerti considerando la persona e non la disabilità. Questo è vero sia per chi ha un handicap fisico che per quelli che hanno problemi di percezione a livello cerebrale.
Quando parli di un disabile usa prima il suo nome: “Suo zio, che ha la sindrome di Down” e non “suo zio mongoloide”, che è offensivo.
Le parole sono importanti per far sentire il senso di appartenenza. È inutile creare categorie basate solo sulla patologia di cui soffrono.

2) Capire la loro condizione

Un esercizio molto utile che serve con chiunque è provare a mettersi nei loro panni. Chiediti come vorresti essere trattato tu, se fossi nella loro stessa situazione.
È un modo per non stabilire distanze e anche per provare empatia e rispetto.
I disabili non hanno bisogno di alcun pietismo e hanno la raffinata capacità di “sentire” le emozioni. Per questo bisogna imparare a sviluppare la giusta sensibilità.

3) Distinguere le disabilità

Ogni gruppo di persone che sono portatori di handicap ha una definizione, che devi scegliere con attenzione.
Un esempio sono quelli che non sentono e che come gruppo sono definiti “Sordi” o “Sordo-muti”.
Il termine “sordo” con la “s” minuscola indica anche la patologia di cui soffrono.
È bene che ti informi prima su questo aspetto, usando il loro stesso linguaggio che gli è più famigliare.

4) Non trattare il disabile come un malato o un bambino

L’interazione con un disabile non deve essere mai dall’alto in basso. Tralascia il suo deficit e non usare un tono troppo alto, eccetto che per gli ipoudenti, con cui rallentare anche la pronuncia delle frasi.
Evita termini che useresti con chi “tanto non ti capisce” e non scegliere parole infantili.
Rivolgiti insomma come faresti con chiunque e considera solo i casi specifici. Per chi ha un deficit psichico parla più lentamente. Al limite chiedi alla persona interessata come preferisce farlo, con tatto e sincerità.
Nel caso tu sia insicuro prendi prima informazioni sulle sue abitudini.

5) Usare delicatezza negli spostamenti

Nell’interagire con un disabile usa sempre delicatezza nell’aiutarlo a compiere azioni necessarie.
Se non riesci da solo fatti aiutare, per non metterlo in imbarazzo e fargli pesare che non può riuscirci da solo.
Se lo aiuti a vestirsi rispetta i suoi tempi o, se gli serve aiuto per lavarsi, chiedigli come preferisce fare.
In ogni caso non mettergli fretta e non essere insistente, ma svolgi il tuo compito con tranquillità e premura.

6) Usare il linguaggio del corpo

Non è necessario gesticolare troppo con un disabile nel dubbio che non ti capisca, eccetto il caso dei non udenti che parlano con il linguaggio dei segni.
Per i disabili psichici a volte basta un sorriso, un abbraccio, una stretta di mano per far sentire la propria presenza e la vicinanza anche morale. Uno sguardo benevolo può bastare per una rassicurazione.

Interagire con le Persone disabili

7) Interagire nelle discussioni

Può succedere che litighi con un disabile e anche in questo caso l’interazione non deve mai scadere nella volgarità.
Non usare parole come “nano” o “handicappato” identificando la persona con il suo problema di salute.
Questo vale soprattutto nella famiglia o nelle case di cura, dove il disabile ha il suo punto di riferimento e sente di appartenere.

8) Parlare direttamente alla persona disabile

Uno degli errori più frequenti è quello di non parlare direttamente al disabile, ma con chi lo assiste.
Non devi mai ignorarlo o metterlo in secondo piano, ma coinvolgerlo in tutto quello che gli riguarda, quando possibile.

9) Non sostituirti alle persone disabili

Nell’interagire con le persone disabili non devi sostituirti a loro. Lascia pure che facciano tutto quello che è nelle loro possibilità. Non devi “facilitare” nulla, ma renderli protagonisti della loro vita, quando è possibile.
Stai attento a non farli sentire inutili.

10) Avere pazienza

Nella relazione con un disabile bisogna avere pazienza e non esser sfuggente o dare poca importanza a ciò che sta dicendo. Se non capisci chiedigli di ripetere o fatti aiutare da chi lo conosce meglio. Rispetta le pause di cui ha bisogno e attendi che termini il discorso.
Ripeti anche più volte quello che non ha compreso e usa sempre un tono pacato.

Interagire con le Persone disabili

11) Parlare della disabilità

Quando hai stabilito una certa confidenza non devi temere di parlare anche della disabilità che hanno. Fallo senza curiosità morbosa, con domande brevi e chiare. Se non conosci la malattia non fare il “saputello”.

12) Non giocare con i dispositivi per i disabili

Non giocare mai con la sedia a rotelle o con il cane guida di un disabile. Per loro è un oggetto o animale indispensabile e merita la giusta cura.

 

Puoi trovare interessante leggere anche Approfondimenti come: Come Aiutare un disabile: 7 consigli utili, Che cos’è la SLA? diagnosi, sintomi e novità nella ricerca medica, Che cos’è la Distrofia Muscolare? sintomi iniziali e diagnosi, Che cos’è il Parkinson? Cause, sintomi, diagnosi e cure, Frasi sulla disabilitàFrasi MotivazionaliFrasi disabilità e Sport, Frasi importanti sulla Vita, Frasi sulla determinazione e aforismi sulla tenacia.

Mi piacerebbe tanto leggere un tuo COMMENTO…
Iscriviti alla Newsletter
 a fondo pagina!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *