Parcheggio disabili normativa, tutte le norme / multe

Per consentire ai disabili di poter accedere ai luoghi pubblici o privati e di avere la possibilità di parcheggiare la propria auto nelle vicinanze degli ingressi. Sono stati introdotti i parcheggi per disabili, riservati a coloro che presentano difficoltà nella deambulazione, cecità o altre patologie invalidanti.

Quando si circola per la città, capita spesso di trovare occupati i parcheggi per disabili da persone prive dell’autorizzazione. Ritrovarsi in uno spazio piccolo che non consente il facile accesso e la piena libertà dei movimenti. La legge indica alcune norme ben precise riguardo i parcheggi per disabili, vediamo insieme quali sono.

 

I parcheggi per disabili: normativa di riferimento

È opportuno specificare che i parcheggi per disabili non possono essere utilizzati da tutti, ma bisogna essere autorizzati con uno specifico tagliando. Viene rilasciato dal proprio comune di residenza, dopo aver sostenuto un accertamento medico.

Chi è privo di contrassegno sul veicolo, non può assolutamente parcheggiare in questi spazi riservati e può essere punibile con una sanzione che oscilla tra gli 84 e i 355 €.

I parcheggi per disabili sono stati introdotti per garantire alle persone con difficoltà di deambulazione di avere la stessa libertà di circolazione dei soggetti non disabili, quindi di poter parcheggiare vicino casa.

I parcheggi per disabili sono stati introdotti nel nostro ordinamento con il D.P.R. 24 luglio 1996 n. 503 e in particolare all’art. 10.

“Regolamento recante norme per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici” .

Negli anni, le norme per la circolazione e il parcheggio dei disabili sono state aggiornate e ampliate, sempre con lo scopo di eliminare qualsiasi tipo di barriera architettonica.

 

Parcheggio disabili normativa

 

Dimensioni e caratteristiche parcheggio per disabili

Nel D.M. 236/1989 e nel più recente D.P.R. 24 luglio 1996 n. 503 sono stabilite con precisione le caratteristiche che deve avere per legge un parcheggio per disabili. Le dimensioni del parcheggio per disabili, come precisano le norme di riferimento, deve avere una lunghezza non inferiore ai 6 metri e una larghezza non inferiore ai 3,20 metri.

Le misure indicate per il parcheggio dei disabili sono considerate standard e valgono per quelli a pettine o a spina di pesce.

Nonostante le indicazioni specifiche per i parcheggi, le misure standard sono ben altre, molto più ridotte: profondità 5 metri e larghezza 2,5 metri. Le indicazioni per i progettisti riguardanti il parcheggio disabili dwg si riferiscono ai parametri standard e non a quelli previsti per legge.

I comuni, hanno comunque ampia discrezionalità riguardo le dimensioni dei parcheggi, che possono essere anche comprese tra i 4 metri di lunghezza e ai 160 cm di larghezza, in base alle caratteristiche specifiche di una strada.

Per consentire ai disabili di individuare con precisione il parcheggio riservato, gli spazi sono delimitati da strisce gialle e contrassegnati sulla pavimentazione dall’apposito simbolo di colore blu e bianco (art. 40 Codice della Strada).

Per facilitare la manovra di ingresso e di uscita del veicolo e la possibilità di aprire con facilità lo sportello, accanto ai parcheggi riservati deve esserci sempre uno spazio libero.

 

Parcheggio disabili davanti casa

 

Dimensioni parcheggio disabili a spina di pesce

 

Dimensioni parcheggio disabili

 

Dimensioni parcheggio disabili

 

Il contrassegno per disabili

Per accedere ai parcheggi riservati ai disabili, bisogna essere muniti di apposito contrassegno, altrimenti sono previste delle sanzioni. Con il D.P.R. n.151/2012 è stato introdotto anche in Italia, il contrassegno unificato disabili europeo (CUDE) che può essere utilizzato in tutti i Paesi membri dell’UE.

Questo tagliando è un piccolo rettangolo su sfondo azzurro con il simbolo della sedia a rotelle, che deve essere esposto sul veicolo.

Non è necessario avere un contrassegno per ogni veicolo, ma bisogna esporlo quando a bordo o alla guida vi è il disabile. L’assegnazione del contrassegno per disabili è riservata ad alcune categorie specifiche, come indicato nel D.P.R. 30 luglio 2012, n. 151, e in successive leggi:

  • persone invalide con capacità di deambulazione impedita, o sensibilmente ridotta;
  • non vedenti;
  • persone con temporanea riduzione della capacità di deambulazione;
  • persone con totale assenza di ogni autonomia funzionale.

 

Come richiedere il contrassegno per disabili

Il tagliando per disabili che consente l’accesso riservato ai parcheggi e alle zone ZTL viene rilasciato dal comune di residenza, dopo aver sostenuto un accertamento medico presso l’ASL di riferimento. L’accertamento medico serve per accertare che il disabile presenti difficoltà di deambulazione, cecità o rientri nelle altre categorie stabilite per legge.

Ottenuta la certificazione medica, bisognerà allegarla alla domanda e presentarla al Comune per ricevere l’apposito CUDE.

Il contrassegno ha una durata di cinque anni e per rinnovarlo bisogna presentare sempre la certificazione medica che attesti il perdurare delle condizioni sanitarie precedenti.

Il rinnovo deve essere eseguito entro 3 mesi dalla scadenza, altrimenti si dovrà ripresentare una nuova domanda.

Per quanto riguarda i soggetti con “temporanea riduzione della capacità di deambulazione”, il CUDE viene rilasciato per un periodo determinato, stabilito in base alla documentazione presentata e in ogni caso non può superare i 5 anni.

Con il CUDE, il disabile ha la possibilità di sostare nei parcheggi riservati, di transitare nelle zone a traffico limitato o controllato (ZTC) e nelle corsie preferenziali.

I disabili possono sostare senza nessun limite di orario nelle zone a traffico limitato. Una recente sente della Corte di Cassazione è stato disposto che possono parcheggiare gratis nei posti a pagamento, se quelli riservati sono tutti occupati.

 

Video: Parcheggio disabili Prank a Berlino

Di seguito troverai un curioso Video Prank che ha lo scopo di sensibilizzare le persone sul rispetto del parcheggio disabili.  Questo video è stato girato a Berlino con l’associazione: Berliner Behindertenverband e.V. link: bbv-ev.de

 

 

 

 

Puoi trovare interessante leggere anche Approfondimenti come: Arriva il pass unico europeo per disabili, con accesso alle tutte ZTLParcheggio disabili la tua Guida completaParcheggio disabili Gratuito sulle Strisce BluRichiesta parcheggio disabili, ecco come fare!, Parcheggio disabili davanti casa, Parcheggio disabili normativa, tutte le norme – multe, Dimensioni parcheggio disabili, in linea e spina di pesce.

Oppure tute le Novità su Auto e Veicoli come:  Auto per disabili allestimenti Nuove, Adattamenti auto per disabiliDispositivi per il trasporto disabiliGamma Auto Fiat per disabili pronta consegna, Agevolazioni Auto per disabili legge 104: Iva 4%, Irpef, IPT e PRA, Auto usate per disabili disponibili in pronta consegna, Annunci Auto usate per disabili con cambio automatico, Auto usate per disabili con comandi al volante, Auto usate per trasporto disabili, Auto, veicoli e allestimenti usati per persone disabili.

Oppure:

Mi piacerebbe tanto leggere un tuo COMMENTO…
Iscriviti alla Newsletter
a fondo pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *