Boccia per disabili

DISCIPLINA PARALIMPICA

Diventato uno sport paralimpico a New York nell’edizione dei giochi del 1984, la boccia per disabili paralimpica è un attività che richiede grande precisione e controllo.

Per poter partecipare bisogna aver superato i 12 anni di età; il gioco è open, sono quindi ammessi uomini e donne, che possono giocare nello stesso team, in squadra o in singolo.

 

boccia per disabili

E’ possibile scegliere in base alle proprie limitazioni se partecipare in carrozzina o in piedi e lo scopo del gioco è quello di avvicinarsi più possibile con le proprie bocce al pallino.

A differenza di molti altri sport, in questo vediamo partecipare anche atleti colpiti da patologie neurologiche (cerebrolesi, tetraplegici ecc).

 

Regolamento boccia per disabili

Il regolamento tecnico è a cura della FIB (Federazione Italiana Bocce) ed è proprio sul sito ufficiale che potete trovare tutte le informazioni utili, le immagini delle ultime competizioni e le news più aggiornate.

La boccia per disabili si pratica su un terreno piano spesso delimitato da sponde e ad ogni campo viene assegnato un codice con il quale si distinguono le categorie di gioco, per distinguere le gare tra partecipanti a piedi o in carrozzina.

L’obiettivo del gioco è quello di avvicinarsi il più possibile con il maggior numero di bocce a una sfera di dimensioni più piccole, detta pallino o boccino che deve essere sempre visibile ai giocatori.

  • I due principi fondamentali dello sport delle bocce sono l’accosto e la bocciata (raffa o volo).
  • L’accosto è un lancio di avvicinamento e di precisione che ha come obiettivo quello di posizionare la propria boccia il più vicino possibile al pallino e si esegue in una posizione statica.
  • Il gesto della bocciata (raffa o volo), viene effettuato con più forza e da una posizione di movimento, ed ha come finalità quella di colpire una o più bocce avversarie con l’intenzione di allontanarle dal pallino.
  • I giocatori di una squadra che hanno a disposizione sei bocce, lanciano a turno la propria boccia, alternandosi coi giocatori della squadra avversaria.

 

 

Le classificazioni funzionali nella boccia per disabili

  1. BC1 I giocatori di questa classe possono lanciare la boccia con la mano o con il piede.
    Possono competere con l’ausilio di un Assistente, posizionato fuori del box di lancio, il quale, su richiesta del giocatore, stabilizza e orienta la carrozzina e gli passa le bocce da lanciare.
  2. BC2 I giocatori in questa classe lancia la palla con la mano. Non possono ricevere l’aiuto da parte di un Assistente.
  3. BC3 I giocatori in questa classe non sono in grado di afferrare e/o rilasciare la palla, e anche se possono effettuare un movimento del braccio, esso risulta insufficiente per spingere una palla sul terreno di gioco.
    Questa classe di atleti può utilizzare un dispositivo, come una rampa, per rilasciare la palla. Il giocatore può avere a disposizione anche un Assistente per il lancio della palla. L’Assistente deve dare le spalle al campo per tutta la durata del set e deve tenere lo sguardo distante dal gioco.
  4. BC4 I giocatori di questa classe hanno una disfunzione grave del movimento in tutti e quattro gli arti e poco controllo del busto. Possono dimostrare sufficiente abilità nel lanciare la boccia in campo. Non possono ricevere l’aiuto di un Assistente.

Attrezzatura per giocare a boccia per disabili

  • Rampa
  • Guanti
  • stecche
  • altri dispositivi di assistenza (es.puntatori)

Dispositivi di assistenza nella boccia per disabili

I dispositivi di assistenza come i puntatori e le rampe vengono utilizzati dagli atleti della divisione BC3 e devono essere approvati ad ogni evento da chi si occupa del controllo delle attrezzature.

Guanti e/o stecche devono essere approvati dalla Commissione Classificatrice.

Le rampe non devono contenere nessun  meccanismo di propulsione meccanico, ne di accelerazione, rallentamento della palla o orientamento della rampa (laser, livella, freni, mirino ecc)

 

Le carrozzine nella boccia per disabili

Le carrozzine devono essere più standard possibili; è possibile utilizzare carrozzine elettriche.

Non esiste alcun limite all’altezza della carrozzina nella categoria BC3 per tutto il tempo in cui restano seduti. Per tutti gli altri atleti l’altezza della sedia è di 66 cm da terra al punto più basso dove le natiche toccano il cuscino.

 

Tempi di gioco

  • BC1                        5 minuti per atleta e periodo
  • BC2                       4 minuti per atleta e periodo
  • BC3                       6 minuti per atleta e periodo
  • BC4                       4 minuti per atleta e periodo
  • COPPIE BC3       7 minuti per coppia e periodo
  • COPPIE BC4       5 minuti per coppia e periodo
  • SQUADRA           6 minuti per squadra e periodo

 

Risultati Anno Sportivo 2017 Boccia per disabili

SQUADRE

  1. Superhabily Milano
  2. Orange Bowl Padova
  3. Anshaf Trieste
  4. Lupus Lecce
  5. Sportento Torino
  6. Superhabily Magenta
  7. Polha Varese

 

COPPIE BC3

  1. Garavaglia, Visconti
  2. Regina, De Ambrogio, Frau
  3. Recchia, Marchisio

Sea4All: le uscite in mare per tutti continuano incessanti a Lignano S.

Sea4All a Lignano Sabbiadoro UD: a bordo di Càpita un fine settimana inclusivo spettacolare di mare e vela Sabato e domenica 8-9 maggio soleggiati a bordo di Càpita, il daysailer accessibile, per veleggiate spettacolari per tutti con la tipica brezza termica del periodo che, a Lignano Sabbiadoro, regala emozioni uniche per affinare la conduzione a …

Simone Barlaam la nuova stella del nuoto paralimpico

Chi ha seguito i Giochi Paralimpici di Tokyo non avrà potuto non notare Simone Barlaam. Questo ragazzo è uno dei nuotatori paralimpici italiani più premiati. Simone Barlaam è nato con una disabilità: deformazione all’anca e un’ipoplasia congenita alla gamba destra. Questo però non ha bloccato i suoi sogni, che ha sempre rincorso fin da bambino …

Il sogno di Carlotta: le paralimpiadi in Giappone

Si chiama Carlotta Visconti, è una ragazza torinese di 21 anni, per le sue amiche è “Cocca” e sogna le Paralimpiadi in Giappone. Appassionata di bocce, come il padre, uno degli sport più inclusivi che ci siano per chi, come lei e come me, utilizza la carrozzina per spostarsi ma non solo: c’è addirittura chi …

Francesca Porcellato storia di vita senza limiti nello sport

Francesca Porcellato nasce a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, il 5 Settembre 1970. Quasi come per destino, la sua vita comincia subito in salita quando alla tenera età di 18 mesi viene investita da un camion mentre giocava nel cortile di casa. Approfondimenti Francesca Porcellato biografiaUna vita per lo sportFrancesca Porcellato carriera atleticaLa carriera …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *