Curling per disabili

DISCIPLINA PARALIMPICA

 

Il curling per disabili su sedia a rotelle o wheelchair curling, è uno sport di squadra riservato alle persone con disabilità agli arti inferiori.

 

Scopo del gioco

Lo scopo del gioco è quello di fare scivolare delle pietre (stones) di granito su una pista di ghiaccio, con l’obiettivo di posizionarsi il più vicino possibile al centro del bersaglio.

L’unica differenza tra il curling tradizionale ed il wheelchair curling sta negli spostamenti che vengono appunto effettuati su sedia, ma soprattutto nell’assenza della fase di sweeping, ossia il noto spazzolamento solitamente utilizzato in questo sport, utilizzato per favorire lo scivolamento della pietra.

Si gioca in due squadre composte da quattro giocatori e si dispone di otto pietre dotate di manico per squadra dal peso di 20Kg.

 

curling-wheel curling per disabili in carrozzina

 

Anche nel curling per disabili su carrozzina le regole sono le stesse utilizzate nella World Curling Federation (WCF), il massimo organo internazionale di questa disciplina.

 

Regole del gioco

Le competizioni internazionali sono suddivise in 10 mani ed anche la maggior parte dei campionati nazionali giocano dieci mani.

Nella Coppa del Mondo per club, si disputano solo otto mani ed anche la maggior parte dei tornei sociali .

  • La fine di una mano avviene quando ogni giocatore di entrambe le squadre ha già lanciato due stone quindi in totale vengono lanciate 16 pietre.
  • Le ultime mani non si giocano se una squadra ha già automaticamente vinto e agli avversari è impossibile pareggiare.
  • Vince la squadra con il punteggio più alto.
  • I punti si calcolano in base al numero di stone che si trovano più vicine al centro della casa alla conclusione di ogni mano.
  • Il lanciatore tira il sasso. Un altro giocatore, di solito lo skip, sta dietro il button dall’altra parte del campo per decidere la tattica, la forza, il  curl e la linea mentre gli altri due possono spazzare davanti alla stone per influenzarne la traiettoria.
  • La stone deve essere rilasciata entro la hog line.
  • La stone deve fermarsi prima di attraversare interamente la back line (se ci è sopra ma la stone è ancora in gioco) e deve necessariamente oltrepassare interamente la hog line.
  • Occasionalmente, i giocatori possono toccare una stone con la loro scopa o una parte del corpo bruciando la stone.
  • Se viene toccata una stone ferma quando non c’è un tiro in corso, non esiste infrazione.

 

Regole aggiunte per il curling per disabili

  • Una partita consiste generalmente in otto tempi (end), anziché dieci, con eventuale extra end in caso di parità.
  • Ogni giocatore deve rilasciare la pietra prima della hog line.
  • Non è ammesso lo sweeping.
  • Ogni giocatore deve lanciare la pietra da una carrozzina ferma, posizionata in modo che la pietra venga tirata dalla linea centrale (centre line).
  • Ogni squadra deve avere sul ghiaccio quattro giocatori che rappresentino entrambi i sessi.
  • Il lancio della pietra può essere fatto con il braccio e la mano, oppure utilizzando un manico estensore.
  • Il curling in carrozzina è riservato alle persone che non possono camminare o che riescono a farlo solo per brevissime distanze, e che hanno abitualmente bisogno di una sedia a rotelle per spostarsi.
  • Un compagno di squadra può tenere ferma la carrozzina durante il lancio della stone.

 

Tipi di tiri

  1. Guardie: vengono posizionate le stone davanti alla casa nella free guard zone, per proteggere il punto.
  2. Punti: vengono tirate le stone per raggiungere la casa; i tiri a punto includono: appoggi, promozioni, tape back e freeze.
  3. Bocciate: tiri destinati a rimuovere le pietre dal gioco.

Il curling per disabili in carrozzina fa parte degli sport Paralimpici da Torino 2006, inoltre ogni anno si disputano i campionati mondiali, ad eccezione degli anni in cui le paralimpiadi sono in programma.

 

Squadre Italiane

  • Disabili Valdostani A.S.D.
  • Curling Club 66 Cortina
  • A.S.D Trentino Curling
  • A.S.D. Albatros Trento
  • A.S.D. Associazione Curling Cembra
  • Curling Club Claut
  • Sportdipiù Torino
  • Virtus Piemonte Ghiaccio

Per informazioni e contatti  basta consultare direttamente il portale dedicato della  FISG Federazione Italiana Sport sul Ghiaccio 

 

CROSSabili punto di riferimento per condivisione e divertimento

Dalle difficoltà più difficili nascono storie e avventure meravigliose, la forza d’animo e il temperamento possono dar vita a progetti proiettati al futuro ricchi di emozioni che abbracciano le persone meno fortunate. È il caso di CROSSabili e la storia di Mattia Cattapan, quest’ultimo capace di dare vita a un progetto meraviglioso dopo un grave …

Esther Vergeer la regina olandese del Tennis in carrozzina

Esther Mary Vergeer ( pronuncia olandese: [ˈɛstər vərˈɣeːr] ; nata il 18 luglio 1981) è una tennista olandese in pensione. Combinando singoli e doppi, ha vinto 42 tornei del Grande Slam, 22 campionati di fine anno e 7 titoli Paralimpici. Vergeer è stata la tennista numero uno al mondo in carrozzina dal 1999 fino al …

16 Maggio Sport in Libertà ad Ascoli Piceno

Olmedo Spa sarà presente all’evento Sport in Libertà organizzato da Coloplast e Fiat Autonomy presso il parco Guidoland a Maltignano (AP). Sport in libertà sarà una giornata all’insegna dell’autonomia, in cui saranno organizzate tantissime attività tra cui: basket in carrozzina, tennis, handbike, vela, volo e freewhite. Olmedo sarà presente per far provare a tutte le …

Mattia Cattapan energia pura al servizio dei disabili

È possibile reagire con forza e coraggio a un incidente che spedisce per sempre un ragazzo estroverso ed estremamente attivo sulla sedie a rotelle? Secondo Mattia Cattapan la risposta è si, seppur non senza difficoltà e scoramento iniziale, che vanno accettate e metabolizzate secondo i propri tempi. Questo inesauribile uomo dimostra infatti ogni giorno a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *