Paraciclismo per disabili / ciclismo per disabili / Handbike

DISCIPLINA PARALIMPICA

 

Il paraciclismo è la versione per disabili della del classico sport del ciclismo; uno attività che ha visto come primi protagonisti i non vedenti, che già nel 1988 gareggiavano alle Paralimpiadi di Seul utilizzando il tandem.

Nel 1996 questo sport aprì le porte a portatori di ogni tipo di handicap fisico, classificando i concorrenti per livello e tipologia di disabilità. Tutte le regole sono a cura della UCI (Unione Ciclistica Internazionale) ed in Italia dalla FCI (Federazione Ciclistica Italiana).

 

Le discipline previste per le gare di paraciclismo sono:

  • lo sprint
  • l’inseguimento
  • il cronometro 1000 metri
  • le gare su strada
  • il cronometro

 

La Classificazione

La classificazione avviene a seguito di regolari controlli da parte dei classificatori ed hanno lo scopo di garantire coerenza ed equità, concedendo agli atleti la possibilità di partecipare a gare che siano basate sulla tecnica, sulla preparazione e idoneità fisica.

Ci sono 12 classificazioni per gli uomini e 12 classificazioni per le donne.

  • Gli handbikers sono classificati da H1 a H5.
  • I ciclisti H1 sono più gravemente colpiti dalla loro disabilità nello sport
  • gli atleti H5 hanno il più basso livello di perdita funzionale
  • Gli handbikers H5 hanno la possibilità di inginocchiarsi, e quindi hanno il contributo della muscolatura del tronco
  • gli atleti H1-H4 sono in posizione completamente reclinata
  • I tricicli sono classificati come T1 o T2 dove i T1 hanno maggiore disabilità dei T2
  • Gli atleti non vedenti o ipovedenti competono su Tandem con un pilota vedente
  • Gli atleti che utilizzano le normali biciclette sono suddivisi in categorie da C1 a C5
  • I ciclisti C1 hanno il maggior livello di disabilità
  • I livelli vanno fino al C5 che corrisponde al valore minimo con il minimo valore.

Suddivisioni

  • Handbike con 5 sotto-categorie (H1, H2, H3, H4, H5)
  • Tandem (non/ipo vedente + pilota) (B)
  • Tricicli con 2 sotto-categorie (T1-T2)
  • Le bici normali (superiore e / o invalidità inferiore del corpo, amputazione, paralisi cerebrale) / con 5 sotto-categorie (C1, C2, C3, C4, C5)

 

Atleti con handicap motori

Uomini e donne gareggiano insieme ed a parità di handicap alla donna viene assegnata una categoria inferiore.

LC1 – atleti con handicap minori

LC2 – atleti con un handicap ad un solo arto inferiore che riescono a pedalare con entrambe le gambe, con o senza protesi

LC3 – atleti che pedalano con una sola gamba

LC4 – atleti con handicap ad entrambe le gambe

 

paraciclismo

Atleti paraplegici, tetraplegici, quadriplegici e con problemi funzionali.

Questi atleti corrono su handbike sono suddividi in due categorie di handicap dove gli uomini e le donne gareggiano separatamente.

HC1 ed HC2 – atleti paraplegici, tetraplegici, quadriplegici, con problemi di uso di braccia e mani, gareggiano in posizione reclinata

HC3 ed HC4 – paraplegici o amputati in entrambe le gambe con una totale stabilità del tronco, partecipano in posizione reclinata

HC5 – atleti con un piùbasso livello di perdita funzionale che hanno la possibilità di inginocchiarsi e hanno quindi il contributo del tronco.

 

paraciclismoparaciclismo

Atleti non vedenti

Competono in tandem con un pilota vedente non professionista, sia su strada che su pista.

B1 – non vedenti

B2 – ipovedenti con acutezza visiva massima di 6/24 e/o un campo visivo inferiore a 5 gradi;

B3 – ipovedenti con acutezza visiva compresa tra 2/60 e 6/12 e/o un campo visivo compreso tra 5 e 20 gradi.

 

paraciclismo

Atleti con paralisi cerebrale

Corrono su triclicli o biciclette a seconda della categoria, dove uomini e donne gareggiano insieme.

CP1 – atleti con handicap gravi che corrono su tricicli

CP2 – atleti che possono scegliere se usare il tricliclo

CP3 – atleti che scelgono di correre su bicicletta

CP4 – atleti con handicap minimi che gareggiano su biciclette normali

paraciclismo

Campioni Italiani 2017 paraciclismo

  • Oro Cecchetto Paolo H3 M Road Race 63.9 km 1:45:52 13.05.2017
  • Oro Mazzone Luca H2 M Time Trial 11,4 km 19:22.21 12.05.2017
  • Oro Mazzone Luca H2 M Road Race 49.7 km 1:33:24 13.05.2017
  • Oro Pittacolo Michele C4 M Road Race 85.2 km 2:02:38 14.05.2017
  • Oro Podestà Vittorio H3 M Time Trial 11.4 km 17:32.37 12.05.2017
  • Oro Porcellato Francesca H3 W Time Trial 11.4 km 20:25.64 12.05.2017
  • Oro Podestà Vittorio H3 – Mazzone Luca H2 – Zanardi Alessandro H5 MTeamRelay17.55 km9 giri di1.95 km- M 00:20:40 14.05.2017

 

  • Argento Anobile Fabio C3 M Road Race 71.0 km 1:50:03 14.05.2017
  • Argento Cecchetto Paolo H3 M Time Trial 11.4 km 17:35.48 12.05.2017
  • Argento Zanardi Alessandro H5 M Time Trial 24 km 35:43.40 12.05.2017
  • Argento Zanardi Alessandro H5 M Road Race 63.9 km 1:41:26 13.05.2017

 

  • Bronzo Farroni Giorgio T2 M Road Race 28.4 km 0:56:10 13.05.2017
  • Bronzo Masini Giancarlo C1 M Road Race 71.0 km 1:50:13 14.05.2017
  • Bronzo Masini Giancarlo C1 M Time Trial 11.4 km 17:07.14 12.05.2017
  • Bronzo Narcisi Jenny C4 W Road Race 71.0 km 2:00:33 14.05.2017
  • Bronzo Porcellato Francesca H3 W Road Race 49.7 km 1:39:23 13.05.2017
  • Bronzo Tarlao Andrea C5 M Road Race 85.2 km 2:02:38 14.05.2017
  • Bronzo Bersini Emanuele B M Panizza Riccardo Pilot Tandem Road Race 106.5 km 2:27:23 14.05.2017

I grandi campioni del paraciclismo italiano: Alex Zanardi, Francesca Porcellato, Vittorio Podestà, Luca Mazzone

La disabilità è senza dubbio una situazione che può mettere in difficoltà nella vita di tutti i giorni nel rapporto con gli altri. Ma è anche una nuova sfida, una possibilità di rivincita nei confronti della vita che toglie si, ma offre nuove possibilità. Nel paraciclismo abbiamo alcuni grandi esempi di rivincita nei confronti delle difficoltà che la vita ha voluto mettere loro davanti: Alex Zanardi, Francesca Porcellato, Vittorio Podestà e Luca Mazzone.

Alex Zanardi: “io la vita me la prendo”

Alex Zanardi è considerato una vera e propria icona sportiva a tutto tondo. Passato da correre con le Formula 1 e con i kart, si è cimentato anche nella formula 3000, nel mondiale turismo. Ma un fatidico incidente ha stravolto la sua vita e la sua carriera. Alex Zanardi non si è demoralizzato, continuando a guidare nel campionato GT3 con una vettura adattata, ma soprattutto togliendosi le migliori soddisfazioni come atleta paralimpico, portando a casa ben quattro ori olimpici e due argenti, oltre a innumerevoli titoli mondiali.

Dobbiamo molto alla sua personalità e al suo carisma, che ha permesso di dare una grande visibilità e permettere una sensibilizzazione globale al tema della disabilità. Approfittiamo di questo spazio per augurare ad Alex Zanardi una pronta guarigione.

Francesca Porcellato: la “Rossa Volante”

Francesca Porcellato, nata a Castelfranco Veneto il 5 settembre 1970, ha incontrato la disabilità già a 18 mesi, quando per un incidente ha perso l’uso degli arti inferiori. Fin da piccola aveva cercato di competere con la sua carrozzina. Il suo carattere vulcanico l’ha spinta già a 16 anni a competere in varie discipline quali lo sci, l’atletica e il ciclismo.

Anche per lei i risultati non tardano ad arrivare, con il culmine raggiunto grazie a diverse medaglie conquistate nei giochi paralimpici, nei Mondiali e negli Europei di specialità. Ci sarà un motivo del perché viene soprannominata la “Rossa Volante” no? Un’atleta a tutto tondo, sempre pronta a reinventarsi e ad affrontare nuove sfide, come dimostrato dalla sua carriera a dir poco camaleontica dati i suoi trascorsi vincenti tra tre discipline che volendo guardare non hanno molto in comune l’una dall’altra, ma che l’hanno vista sempre portare a casa risultati di prestigio.

Vittorio Podestà: campione nello sport e nella vita

Come per gli atleti sopra citati, anche la vita di Vittorio Podestà subisce un cambio di rotta improvviso a seguito di un incidente, con conseguente lesione midollare. Di certo la voglia di vivere e di mettersi alla prova non è mai mancata, e così inizia a cimentarsi nel paraciclismo utilizzando una handbike a partire dal 2003. Passa poco tempo prima che si vedano i primi risultati importanti: già nel 2005 ottiene il suo primo titolo italiano nella specialità a cronometro. Sempre nello stesso anno avviene il suo debutto con la maglia della nazionale. Il sigillo a livello mondiale arriverà da li a poco, nel 2007 a Bordeaux.

Per quanto riguarda i giochi olimpici, il medagliere si presenta ricco, grazie alle due medaglie d’oro, due d’argento e sempre due di bronzo conquistate tra le varie partecipazioni negli eventi di Pechino 2008, Londra 2012 e Rio del 2016. Da segnalare che uno dei due ori di Rio è stato conquistato nella staffetta con Alex Zanardi e Luca Mazzone.

Luca Mazzone: lo sport come ragione di vita

Ed è proprio quest’ultimo un ulteriore esempio di grande campione italiano del paraciclismo che vale la pena menzionare. Luca Mazzone è un classe ’71. La sua carriera sportiva inizia come body builder, pugile e calciatore in gioventù. Dopo un tuffo in quel di Giovinazzo, urta contro uno scoglio subendo una lesione midollare. Grazie alla sua attitudine allo sport, decide di dedicarsi al nuoto paralimpico prima e successivamente scopre l’handbike (esattamente nel 2011).

Nel suo palmarès di questa disciplina figurano tre ori mondiali su strada consecutivi rispettivamente nelle annate 2013, 2014 e 2015, oltre a contare tre ori olimpici e tre argenti. Basti pensare che di ori nei campionati del mondo di disciplina ne ha ottenuti ben 15 e tre argenti per capire la passione che lo spinge ogni giorno.

Il Giro HandBike dal 2010 punto di riferimento per atleti e appassionati

La disabilità motoria pone l’individuo davanti a due strade ben distinte: quella che lo porta a credere che tutto sia finito e che la vita non abbia senso e quella che lo conduce a una riscoperta di se stesso e delle tante possibilità che la società odierna ha da offrire a chi si trova in queste condizioni.

Quest’ultimo punto è lo spirito che accompagna, da anni, uno degli eventi di riferimento del ciclismo Paralimpico in Italia, il Giro Handbike, che rappresenta l’unica manifestazione a tappe per paralimpici in Europa.

Come nasce il Giro Handbike

Giro HandbikeIl Giro Handbike prende vita grazie all’idea e alla passione di Andrea Leoni che ha saputo porre le basi per la creazione di un circuito di gare alla pari di un evento a livello nazionale; grazie a questo percorso, infatti, gli atleti hanno avuto la possibilità di mettersi in gioco a livello professionistico, arrivando a gareggiare per ottenere la tanto desiderata maglia rosa.

Questa manifestazione, infatti, può essere considerata come la versione paralimpica del Giro d’Italia e si è affermata a tal punto da essere considerata come la più importante e pubblicizzata corsa a tappe di questa disciplina sportiva, su tutto il suolo nazionale.

La prima edizione risale al 2010 e da allora diverse sono state le manifestazioni che hanno portato questo evento a crescere e farsi riconoscere sempre più da tutta Italia ed Europa, diventando punto di riferimento per atleti e appassionati di questa disciplina sportiva.

La missione del Giro Handbike

La disciplina sportiva promossa dal Giro Handbike ha il merito di aver creato una rete di socializzazione molto intensa, il cui insegnamento è affidato a veri tecnici competenti e professionali che hanno reso questa realtà sempre più solida e concreta nel corso degli anni.

La missione del Giro Handbike è proprio quella di dare un obiettivo concreto a gli atleti disabili che vogliono avere l’occasione di migliorare la loro qualità di vita, inserendosi a pieno nel tessuto sociale.

La SEO, Società Organizzatrice del Giro Handbike, rappresenta un’associazione sportiva che ha avuto il merito, in questi anni, di diffondere e promuovere il ciclismo, garantendo l’organizzazione di gare e attività ciclistiche generiche.

Gli operatori professionisti che vi lavorano sono fieri volontari che dedicano il loro prezioso tempo alla formazione e all’organizzazione di questo importantissimo evento di fama europea.

Giro Handbike

A chi è rivolto il Giro Handbike

La gara organizzata dal Giro Handbike è rivolta a entrambi i sessi e la classifica è determinata in base al genere, piazzamento ma anche dai punteggi che si ottengono in base all’handicap.

La manifestazione include anche una sezione per le categorie giovanili, precisamente per gli under 16 e under 14.

Ogni gara è pensata in base alle varie tipologie di disabilità, che determinerà la lunghezza del percorso unitamente alle sue caratteristiche specifiche.

Il Giro Handbike, dunque, propone una realtà solida e qualificata, grazie a cui ogni individuo soggetto a disabilità e che abbia maturato amore e passione per il ciclismo paralimpico, avrà la possibilità di mettersi in gioco in maniera professionale e con i giusti premi riconosciuti a livello Nazionale.

I modelli di Bici per disabili, tricicli ed Handbike

nel nostro catalogo ausili potete consultare diverse soluzioni per rendere ritrovare l’autonomia con Bici per disabili, tricicli ed Handbike. Consulta le schede prodotto, compilando l’apposito modulo, potete contattare direttamente i produttori / distributori per richiedere una consulenza gratuita e/o pianificare una prova della vostra nuova bicicletta.

Handbike per disabili

Tricicli per adulti

nel nostro catalogo ausili potete consultare diverse soluzioni:

Libri sul Paraciclismo per disabili / ciclismo per disabili

  • Volevo solo pedalare ma sono inciampato in una seconda vita – Alex Zanardi
  • Paralimpici.  Lo sport per disabili: storie, discipline, personaggi – Claudio Arrigoni
  • Rinati per vincere. Storie di campioni ugualmente abili – Giampiero Spirito, Rocco Crimi

Alcune news dal mondo del Paraciclismo e ciclismo per disabili

Carlo Calcagni, Colonnello e Atleta disabile e fonte di ispirazione

Ufficiale elicotterista dell’esercito Italiano e paracadutista della Folgore, Carlo Calcagni durante una missione di pace in Bosnia nel 1996 dove era stato assegnato al soccorso medico-sanitario di civili e militari, ha subito una gravissima intossicazione da metalli pesanti. In seguito a questa lenta contaminazione il suo organismo si è ammalato in maniera irreversibile, fino al …

Obiettivo Tricolore, al via la terza edizione della grande staffetta ideata da Alex Zanardi

Dal 5 al 26 giugno, 65 atleti paralmpici si passeranno di mano il testimone, in sella a handbike, biciclette e carrozzine olimpiche, da Santa Maria di Leuca a Cortina d’Ampezzo (31 tappe e 2.000 km), per dimostrare che le disabilità fisiche e mentali non sono un limite, ma una diversa opportunità di vita. Con questa …

Francesca Porcellato storia di vita senza limiti nello sport

Francesca Porcellato nasce a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, il 5 Settembre 1970. Quasi come per destino, la sua vita comincia subito in salita quando alla tenera età di 18 mesi viene investita da un camion mentre giocava nel cortile di casa. Approfondimenti Francesca Porcellato biografiaUna vita per lo sportFrancesca Porcellato carriera atleticaLa carriera …

Buon compleanno Alex Zanardi oggi compie 55 anni, forza Alex!

Dai Social arrivano una serie di messaggi di auguri di buon compleanno Alex Zanardi. 55 anni! Il campione azzurro, è ancora ricoverato in ospedale dopo il tragico incidente in handbike del 19 giugno 2020 in provincia di Siena. 55 anni Buon compleanno Alex Zanardi Alex Zanardi è nato il 23 Ottobre 1966, a Bologna. La sua …

Alex Zanardi, biografia e storia di un grande uomo

Alex Zanardi è nato il 23 Ottobre 1966, a Bologna. Ex Pilota di Formula 1, Karting, Cart, WTCC, F3, F3000. Oggi atleta Paralimpico e pilota GT3. La vita di Alex Zanardi è sempre stata a tutto gas fin da quando, all’età di quattordici anni, il padre gli regalò il suo primo kart con cui iniziò a coltivare …

Ri-cicloviaggio “Due Ruote e una Gamba” protesi inutilizzate per l’Africa!

Il 1° settembre 2021 Luca Falcon e Giulia Trabucco partiranno per un giro d’Italia in bicicletta. Per circa 8/10 settimane visiteremo persone con disabilità ed altre associazioni no-profit dedicate al mondo degli amputati e disabili, in un viaggio solidale (da Verona a Palermo e ritorno) che valorizzerà al massimo l’unicità culturale e paesaggistica del nostro …

3 Commenti

  1. Salve sono un plesso leso da poco ho ripreso ad andare in bici sapete se esiste un tutore o qualcosa per bloccare la mano al manubrio grazie

    • salve,
      purtroppo e’ molto difficile trovare in commercio un ausilio cosi specifico. Quello che le posso consigliare e’ di cercare una semplice soluzione casalinga. Oppure rivolgersi a qualche officina ortopedica.
      Un abbraccio
      Alessio

    • renato placuzzi

      Ciao, ho lo stesso problema anch’io, hai trovato una soluzione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *