Sci biathlon per disabili

Sci biathlon per disabili DISCIPLINA PARALIMPICA

 

Il biathlon è uno sport invernale dove si praticano nella stessa gara lo sci di fondo e sessioni di tiro a segno con carabina.

Lo sci biathlon per disabili è stato inserito nei Giochi Paralimpici invernali a partire dai VI Giochi invernali di Lillehammer 1994.

 

Chi può praticare il biathlon per disabili

  • persone colpite da cecità
  • persone colpite da ipovisione
  • atleti con disabilità a braccia e/o gambe che però possono sciare in piedi
  • atleti che possono stare solo seduti

L’attività agonistica internazionale è organizzata dall’International Paralympic Nordic Skiing Committee (IPNSC), il comitato paralimpico internazionale per lo sci nordico, che si occupa anche della sezione paralimpica, mentre in Italia, l’attività agonistica è organizzata dal Dipartimento Sport Invernali del Comitato Italiano Paralimpico (CIP).

I biatleti vengono divisi in categorie in base al tipo e al grado di disabilità, seguendo la classificazione utilizzata dall’International Paralympic Committee (IPC), il Comitato Paralimpico Internazionale.

SEDUTI – SITTING

Nel gruppo “seduti” sono compresi gli sciatori che non sono in grado di reggersi su due sci. Per sciare usano uno slittino chiamato anche sit-ski, costituito da un sedile montato su due sci da fondo.

 

Categorie

  • LW10 disabilità agli arti inferiori senza equilibrio funzionale da seduti
  • LW10,5 disabilità agli arti inferiori con minimo equilibrio funzionale da seduti
  • LW11 disabilità agli arti inferiori con discreto equilibrio funzionale da seduti
  • LW11,5 disabilità agli arti inferiori con più che discreto equilibrio funzionale da seduti
  • LW12 disabilità agli arti inferiori con buon equilibrio funzionale da seduti

biathlon per disabili

DISABILI VISIVI – VISUALLY IMPAIRED

I disabili visivi utilizzano la normale attrezzatura da sci di fondo e gareggiano accompagnati da una guida sulla pista.

Al poligono usano un fucile ad aria compressa dotato di un sistema elettro-acustico che emette toni sempre più alti a mano a mano che il mirino si avvicina al centro del bersaglio. Il biatleta può così regolare il puntamento in base ai suoni che sente.

Il diametro dei bersagli è più ampio (30 mm) rispetto a quelli usati per le altre categorie (20 mm).

 

Categorie

  • B1 ciechi totali
  • B2 ipovedenti gravi
  • B3 ipovedenti lievi

biathlon per disabili

IN PIEDI – STANDING

Nel gruppo “in piedi” sono compresi gli sciatori con disabilità fisiche che sono comunque in grado di utilizzare due sci, anche con l’uso di protesi.

Le persone con disabilità agli arti superiori sciano senza bastoncini, o con un bastoncino solo; al poligono, dopo aver posizionato il fucile con il braccio superstite o con i movimenti delle spalle, danno l’ordine di sparare ad un allenatore, che preme il grilletto.

 

Categorie

  • LW2 amputazione sopra al ginocchio o disabilità equivalente
  • LW3 disabilità ad entrambi gli arti inferiori
  • LW4 amputazione sotto al ginocchio o disabilità equivalente
  • LW5/7 sciatori senza bastoncini
  • LW6 amputazione sopra al gomito o disabilità equivalente
  • LW8 amputazione sotto al gomito o disabilità equivalente
  • LW9 altre disabilità agli arti

biathlon per disabili

Medagliere Biathlon per disabili

L’Italia ad oggi non ha mai conquistato medaglie in questa disciplina che resta specialità dei paesi scandinavi, veri dominatori tra campionati del mondo ed Olimpiadi.

Seguono a ruota Russia e Germania.

Durante l’edizione dei Giochi Paralimpici Invernali di Sochi 2014, l’Italia ha comunque ottenuto discreti risultati seppur non portando a casa riconoscimenti.

  • Pamela Novaglio ha totalizzato tre decime posizioni (6km, 10km e 12.5km standing);
  • Enzo Masiello ha ottenuto la quattordicesima posizione nella categoria 12.5km sitting.

La storia di Oney Tapia, il grande campione paralimpico

Classe 1976, Oney Tapia è attualmente conosciuto per la vittoria bronzea ai campionati paralimpici di Tokyo 2021. Soprannominato ‘il guerriero’, è considerato uno dei migliori lanciatori del peso sul territorio italiano. Approfondimenti La vita di Oney TapiaOney Tapia carrieraOney Tapia Ambasciatore dello sport: un nuovo esempioLibro Oney Tapia: Più forte del buio. Niente può fermare i …

Francesca Porcellato storia di vita senza limiti nello sport

Francesca Porcellato nasce a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, il 5 Settembre 1970. Quasi come per destino, la sua vita comincia subito in salita quando alla tenera età di 18 mesi viene investita da un camion mentre giocava nel cortile di casa. Approfondimenti Francesca Porcellato biografiaUna vita per lo sportFrancesca Porcellato carriera atleticaLa carriera …

Manuel Bortuzzo storia del nuotatore in carrozzina, dopo la tragica sparatoria

Chi è Manuel Bortuzzo? raccontiamo la biografica di Manuel Bortuzzo nasce a Trieste, il 3 maggio 1999 ma fin da giovane ha vissuto a Roma per poter inseguire il sogno: diventare un campione di nuoto. Il suo obiettivo principale è sempre stato quello di poter partecipare e magari ottenere qualche medaglia alle Olimpiadi di Parigi …

Ambra Sabatini l’incredibile storia della Primatista paralimpica e medaglia d’Oro

La storia di Ambra Sabatini è il classico esempio di questi concetti: scopriamo chi è questa atleta, la sua storia e i risultati che ha ottenuto durante la competizione. Le Paralimpiadi di Tokyo hanno messo in mostra come impegno e forza di volontà siano fondamentali per il raggiungimento dei proprio obiettivi. Approfondimenti Chi è Ambra …

Simone Barlaam la nuova stella del nuoto paralimpico

Chi ha seguito i Giochi Paralimpici di Tokyo non avrà potuto non notare Simone Barlaam. Questo ragazzo è uno dei nuotatori paralimpici italiani più premiati. Simone Barlaam è nato con una disabilità: deformazione all’anca e un’ipoplasia congenita alla gamba destra. Questo però non ha bloccato i suoi sogni, che ha sempre rincorso fin da bambino …

Assunta Legnante storia dell’atleta paralimpica nel lancio del peso

Le paralimpiadi di Tokyo 2020 si sono appena concluse e hanno registrato per gli italiani soltanto uno dei tantissimi e innumerevoli successi di quest’anno. Posizionandosi al nono posto del medagliere generale con un totale di 69 medaglie, tra 14 ori, 29 argenti e 26 bronzi. Un risultato inatteso che ha dimostrato come gli atleti azzurri …

Paralimpiadi Tokyo 2020 – Medaglie Italia

L’Italia partecipe alle Paralimpiadi del 2020 a Tokyo, in Giappone, dal 24 agosto al 5 settembre 2021. Questa è la loro sedicesima apparizione consecutiva alle Paralimpiadi estive dal 1960.   Approfondimenti Totale Medagliere Italiano alle Paralimpiadi Tokyo 2020Elenco delle Medaglie Italiane alle Paralimpiadi Tokyo 2020 Totale Medagliere Italiano alle Paralimpiadi Tokyo 2020   ORO: 14 …

Beatrice Vio Storia e Biografia di un’atleta con il coraggio di lottare

Beatrice Vio è nata a Venezia il 4 Marzo del 1997, schermidrice, campionessa mondiale e paralimpica in carica nel fioretto individuale. Chiamata da tutti “Bebe”, Beatrice Vio è una delle atlete paralimpiche italiane più note ed influenti: pratica la scherma in carrozzina dall’età di 5 anni e dal 2011 ha vinto tutti i più importanti …

Niko Tremolada Crederci sempre, arrendersi mai!

Niko, ha ritrovato il sorriso e la gioia con la passione per gli sport ad alta velocità, ma ha regalato sorrisi ed emozioni anche ad altri ragazzi come lui. La sua forza di volontà, ha trascinato dietro sé, giorno dopo giorno, ragazzi, aziende sponsor, meccanici occupati alla modifica dei Kart e piste noleggiate a più non posso.

Sea4All: le uscite in mare per tutti continuano incessanti a Lignano S.

Sea4All a Lignano Sabbiadoro UD: a bordo di Càpita un fine settimana inclusivo spettacolare di mare e vela Sabato e domenica 8-9 maggio soleggiati a bordo di Càpita, il daysailer accessibile, per veleggiate spettacolari per tutti con la tipica brezza termica del periodo che, a Lignano Sabbiadoro, regala emozioni uniche per affinare la conduzione a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *